Riabilitazione > Vascolare > Linfodrenaggio manuale

Il linfodrenaggio è una tecnica manuale, che rientra nell’ambito del massaggio terapeutico, quindi richiede una formazione specifica da parte dell’operatore che lo voglia eseguire in modo corretto, professionale e soprattutto efficace.
La creazione di questa tecnica si deve alla geniale intuizione del Dott. Emil Vodder, kinesiterapista danese che aveva una buona formazione scientifica. Insieme alla moglie Estrid, lavorò in un istituto di cure fisiche a Cannes specializzato nella cura delle forme croniche di catarro, qui, Vodder ebbe modo di trattare un giovane paziente inglese affetto da tonsillite cronica. Utilizzando delicati movimenti rotatori dei polpastrelli lungo le vie di deflusso linfatico riuscì ad ottenere un miglioramento straordinario delle condizioni di salute del paziente, risolvendo la patologia.
L’utilizzo dello stesso tipo di manualità su numerosi altri pazienti affetti da sinusite cronica o simili patologie otorinolaringoiatriche, con il riscontro dello stesso risultato, condusse alla codificazione di una precisa tecnica, che venne presentata al pubblico, per la prima volta, nel 1936, riscuotendo notevole successo.
Nonostante le difficoltà amplificate dal fatto che Vodder non era un medico, la tecnica si diffuse a Parigi, a Copenaghen e in Austria dove, negli anni ’70, Vodder aprì la dr. Vodder Schule con i coniugi Wittlinger.
Attualmente, tutti gli effetti del Linfodrenaggio manuale secondo Vodder sono stati scientificamente dimostrati (tranne l’effetto immunologico).
Il linfodrenaggio è un massaggio dolce che ha lo scopo di “aprire” le stazioni linfatiche per consentire il libero fluire della linfa.La linfa si compone di una serie di elementi tra cui: sali minerali, proteine, acqua, ossigeno,contribuisce al nutrimento delle cellule e permette l’eliminazione dei rifiuti.

Vedi anche Massaggio Linfodrenante

pic

linfodrenaggio